Berlino 1991 / 1994 / 2008

1991: Fermata del metrò in centro città 1994: Tacheles (centro creativo / edificio occupato) 1994: Cortile del Tacheles 1991: Gedchtniskirche 1991: Alexanderplatz e Berlino est dalla torre 1994: Hackesche Höfe 1994: Hackesches Hoftheater 1991: Anhalter Bahnhof - Stazione ferroviaria vicino alla Potzdamer Platz 1991: buchi nel muro 1991: Potsdamer Platz 1991: Potsdamer Platz 1991: Potsdamer Platz 1991: dietro la Potzdamer Platz 1991: murales 1991: Trabbi - macchina ultimo modello 2008: Potsdamer Platz con orologio e semaforo (ricostruzione) 2008: Checkpoint Charlie 2008: Alexanderplatz

Alcune foto scattate nei primi anni novanta a Berlino.

Quando sono capitato la prima volta a Berlino la città offriva uno sguardo ben diverso. C'erano ovunque i resti di un tragico passato ma anche storici luoghi di grande cultura, come i Hackeschen Höfe, cuore dei movimenti teatrali degli anni 60 a Berlino Est.

C'erano strade deserte dove ora pullula di gente e vita notturna. C'erano case vecchie e bombardate, spazi vuoti, una Potzdamer Platz immensamente libera da ogni cosa. Era impossibilie perdersi in città, si riuscivano a vedere molte cose in linea d'aria. C'era ancora gran parte del Muro nel '91, pieno di murales e segni di vita e di morte.

Molti anni dopo l'edilizia e la moda hanno fatto i loro affari. Molti luoghi sono diventati irriconoscibili rispetto al loro stato nel dopoguerra. Ricostruiti e rimodernati, pieni di "espressione finanziaria e tecnologica".

La cosa più brutta è stata vedere i Hackeschen Höfe trasformati in luogo di shopping e caffè - tristissimo, da far venire il mal di pancia.

Poi apprendo che stanno chiudendo Radio Multikulti (che ascoltavo spesso anche a casa) e che il Tacheles, storico luogo occupato da artisti vaganti di tutto il mondo, rischia sempre di più la chiusura, stretto nella morsa del profitto.

Tanto da far passare la voglia di tornarci.

Link informativi

tomyt v.5 Privacy

torna a inizio pagina